Le regole base per una corretta strategia di Web Marketing

Il web marketing, come oggi concepito, è sicuramente una dei metodi per fare “pubblicità” più convenienti e redditizie: tutti, indistintamente, utilizzano un computer, un mac o uno smartphone, e sopratutto tutti cercano su Google qualsiasi tipo di informazioni su un prodotto, un servizio o qualcos’altro. In Italia, purtroppo, pochissime realtà aziendali danno la giusta attenzione alla propria immagine e presenza web, limitandosi molto spesso ad un semplicissimo sito vetrina, scarsamente posizionato o molto probabilmente quasi invisibile su parole chiave particolarmente popolari. Veralto, una web agency a Monza, analizza, sviluppa e segue progetti di posizionamento SEO siti web, oltre alla presenza sui principali social network senza trascurare le molteplici attività che il web marketing può offrire, e ci spiega quanto segue. “Alla base di ogni progetto di web marketing, sia esso semplice o estremamente complesso, non bisogna mai trascurare le regole base per una corretta strategia, vincente e completa. Per questo motivo, molti gruppo aziendali di medie o grandi dimensioni, si sono rivolti a noi per analizzare, progettare ed eseguire complesse strategie di web marketing finalizzate all’aumento della visibilità”.

Ma vediamo nel dettaglio alcune di esse:

Query a coda lunga. Naturalmente, come accade di norma, difficilmente gli utenti effettuano le loro ricerche digitando una sola parola: è necessario valutare i propri obiettivi e pensare a una strategia che punti sulle query a coda lunga: l’algoritmo RankBrain (capace di valutare le chiavi di ricerca all’interno di una ricerca semantica), è in grado di elaborare richieste complesse con maggiore precisione, premiando i contenuti in grado di rispondere con più efficienza e puntualità alle domande degli utenti.

Testi esaurienti. Nei primi anni di diffusione della SEO, Google premiava i testi molto sintetici. Col tempo le cose sono cambiate: sempre di più predilige testi più lunghi (certo, senza esagerare) ed esaurienti, in grado di soddisfare fino in fondo le esigenze della persona che svolge una determinata ricerca. L’utente preferisce trovare subito le risposte che desidera senza dover saltare da un portale all’altro per chiarirsi ulteriormente le idee e approfondire.

Le immagini. Sempre più importanti e dominanti sono, sul piano del contenuto, anche le immagini. Per renderle comprensibili e indicizzabili è necessario dare un nome ai file, indicare il tag alt, il tag title e le didascalie.

Il protocollo https. La sicurezza avrà un peso ancora maggiore per il posizionamento. Tra le novità SEO bisogna considerare anche il fatto che Google comincerà a marcare come non sicuri i portali che non hanno effettuato il passaggio al protocollo https. Per ottenerlo è necessario acquisire un certificato SSL, che garantisce la criptazione delle comunicazioni in entrata e in uscita.