Jeep Gladiator, questione di naming

Sembra che l’atteso pick-up Jeep costruito su base Wrangler alla fine non si chiamerà Scrambler. Nel forum dedicato al nuovo veicolo, che dovrebbe essere presentato in veste ufficiale al prossimo Salone di Los Angeles (dal 26 al 29 novembre), sono comparse alcune foto spia che riportano il nome Gladiator, con il quale è stato ribattezzato anche il dominio del forum stesso, che ora risulta essere JeepGladiatorForum.com. Da parte dei vertici di Fca manca l’ufficilialità, anche se si sa ad esempio che potrà trasportare nel cassone fino a 750 kg di carico, guadare 80 cm di acqua e trainare un peso di 3500 kg.

L’ipotesi circa il nome Jeep Gladiator sembra tuttavia interessante, specie se si ragiona in termini di brand building. Il nome Jeep deriva, ad esempio, dalla pronuncia dell’acronimo di General Purpose Vehicle (veicolo per uso generale), perfetto per contraddistinguere veicoli multiuso che in passato furono impiegati anche in guerra, come nel caso del celebre Willys. Attualmente Jeep ha in listino i modelli Renegade, Compass, Cherokee e Grand Cherokee, con una predilezione per i nomi di tribù indiane e più in generale di guerrieri. Tendenza, questa, mantenuta un po’ in tutti i mercati, visto che in Cina negli scorsi mesi è stata presentata la nuova Jeep Grand Commander. Per quanto riguarda i futuri nuovi modelli, possono formularsi sostanzialmente due ipotesi; la prima è di rompere con il passato, inaugurando nuove nomenclature, la seconda è quella del brand heritage, il rispetto e la valorizzazione della storia del marchio.

Ebbene, il nome Gladiator appare perfetto per il recupero del brand heritage, visto che una Jeep Gladiator esisteva già negli anni Sessanta. Trattasi di un pick-up in produzione dal ’62 al ’71, simile nello spirito all’attuale modello, che nonostante i motori di cubatura elevata (si parla di un 3.6 litri V6 per il debutto), per gli automobilisti statunitensi resta un camioncino buono all’uso utilitaristico. Gladiator è anche un termine universale, traducibile facilmente in diversi mercati e che evoca lotta, sfida, coraggio, forza e libertà guadagnata attraverso il lavoro.

Gladiatoria sarà del resto la sfida nel mercato automobilistico Usa, dove Jeep Gladiator dovrà vedersela con Ford F-150 e Chevrolet Sierra, regine indiscusse nelle vendite. Fca appare confortata dagli eccellenti numeri fatti segnare fin qui dal nuovo Jeep Wrangler, che del Gladiator è un po’ il papà. A ottobre 2018, ad esempio, Fca è cresciuta di oltre il 15% in Usa, mentre Ford è scesa del -4% e General Motors del -5%. Il brand Jeep ad ottobre 2018 ha collezionato 72.800 consegne negli Usa, crescendo del 8,5%, mentre in Europa il progresso è stato dell’11,5%, con 10.441 consegne.